Il tuo amico cane scuote la testa o tiene abbassato un'orecchio ?

Il tuo amico cane scuote la testa o tiene abbassato un'orecchio ?

Iil tuo amico cane scuote la testa o tiene abbassato un'orecchio?

Quando un cane o un gatto scuotono la testa o tengono un orecchio abbassato è segno che provano dolore o prurito.
Certamente se questo sintomo si presenta improvvisamente e abbiamo portato da poco il nostro amico cane in un prato (in campagna o in ambiente cittadino) nel periodo primavera/estate, la cosa più urgente da escludere è rappresentata dall'entrata nell'orecchio (condotto uditivo esterno) di una "spiga" (ariste di graminacea).
Image

Questa valutazione è eseguibile rapidamente dal medico veterinario tramite l'utilizzo di un otoscopio, che permette di visualizzare l'interno del condotto uditivo esterno in modo da escludere/confermare la presenza di una “spiga" che deve essere prontamente rimossa.

Se invece questo non è successo è possibile che il nostro amico abbia un’otite esterna ovvero un’infiammazione dei canali auricolari che a volte può interessare anche la parte più profonda del padiglione auricolare.

Anche in questo caso i sintomi clinici possono essere lo scuotimento della testa, prurito, dolore con odore sgradevole e presenza di materiale di colore marrone più o meno scuro.

Image

Il medico veterinario mediante un esame otoscopico può valutare la presenza di eritema (infiammazione) o di un'eccessiva quantità di cerume (otite eritematosa ceruminosa) o di materiale simil-purulento (otite suppurativa).

L'infiammazione del condotto uditivo esterno (otite esterna) è una "malattia primaria" molto frequente nel cane ed è spesso associata ad un "infezione secondaria" da proliferazione di batteri o lieviti normalmente presenti nell'orecchio (flora microbica fisiologica normale) che moltiplicandosi esageratamente a causa di una "malattia primaria" sottostante crea una complicazione.

Inoltre tramite la valutazione microscopica a fresco del materiale prelevato è posibile escludere/confermare una malattia parassitaria. Se l'otite tende ad essere ricorrente il veterinario sottoporrà il paziente ad un protocollo diagnostico mirato ad indentificare la il tipo di malattie allergiche.

Image

Un esame tramite tampone è facilmente eseguibile senza procurare particolare fastidio al nostro amico. Tramite l’esame del materiale è possibile distinguere un'infezione batterica da un'infezione da Malassezia (lievito) in modo da poter scegliere una terapia mirata nei confronti dell'infezione secondaria in atto. Inoltre è possibile a volte escludere o confermare la presenza di parassiti auricolari.

Se però l'otite esterna tende ad essere ricorrente e si ripresenta frequentemente il veterinario potrà decidere di sottoporre il paziente ad ulteriori indagini, molto spesso infatti la causa primaria di otite nel cane è rappresentata da una malattia “allergica” o più raramente da altre cause.

“DVM, Diploma Master Universitario II livello in Dermatologia Veterinaria, ECVP - Resident European College of Veterinary Pathologists (Istologia generale e Dermatopatologia).”

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti alla moderazione dell'amministratore.
  • Nessun commento trovato